• Teaser del cortometraggio dell'Evento - Regia di Andrea Sardo
Home / Momenti / Vaga Luna che inargenti

Vaga Luna che inargenti

Vaga Luna che Inargenti

Vaga Luna che inargenti

Vincenzo Bellini

Le due “ariette” Vanne, o rosa fortunata e Vaga luna che inargenti fanno parte di una raccolta di quindici composizioni per pianoforte e voce scritte dal Bellini intorno al 1820, quando si trovava tra Napoli e Milano, prima della sua partenza per Parigi. Esse furono pubblicate postume dalla Casa editrice milanese Ricordi nel 1935, in occasione del centenario della morte del grande compositore.
Vaga Luna che InargentiQueste incantevoli “canzonette”, tra cui Vaga luna che inargenti, ispirate da influssi folkloristici della nativa Sicilia, sono composte su testi di autori anonimi; esse si presentano con stile estremamente semplice e sobrio, in contrasto con la “gravitas” emozionale e melodrammatica della più tipica produzione operistica belliniana e, più in generale, ottocentesca.
Vincenzo Salvatore Carmelo Francesco Bellini nasce a Catania il 3 novembre 1801.
Sin da piccolo mostra una spiccata predilezione per la musica. Del resto, l’aveva nel sangue: il padre, Rosario, era un apprezzato musicista, ed anche suo nonno, don Vincenzo Tobia, era Maestro di Cappella del principe di Biscari. Fu proprio il nonno Tobia ad impartirgli le prime lezioni di musica e a farlo esibire nei salotti dell’aristocrazia catanese sì da renderlo ben presto noto in tutta la città quale promettente e precoce talento che già all’età di sei anni aveva scritto la sua prima composizione dal titoloGallus cantavit
Con una borsa di studio di 459 lire, accordatagli dal Decurionato di Catania, va a studiare presso il Conservatorio S. Sebastiano di Napoli (1819) ove annovera tra i suoi maestri Nicola Antonio Zingarelli, che lo indirizza verso il melodramma di scuola napoletana e le opere strumentali di Franz Joseph Haydn e Wolfgang Amadeus Mozart.
Tra le sue prime composizioni, in questo periodo, vi sono opere di musica sacra, alcune sinfonie ed arie per voce e orchestra, tra cui la celebre “Dolente immagine”, oggi nota per i successivi adattamenti per voce e pianoforte.
Nel 1825 presenta nel teatrino del conservatorio “Adelson e Salvini” la sua prima opera – lavoro finale del corso di composizione. Solo un anno dopo con “Bianca e Fernando” arriva il primo grande e inaspettato successo. Per non mancare di rispetto al principe Ferdinando di Borbone, la composizione va in scena al teatro San Carlo di Napoli con il titolo modificato in “Bianca e Gernando”.
Nel 1827 gli viene commissionata un’opera da rappresentare al Teatro alla Scala di Milano, per cui lascia Napoli e anche Maddalena Fumaroli, la ragazza di cui è innamorato ma che non aveva potuto sposare a causa dell’opposizione del padre.
A Milano vanno in scena “Il pirata” (1827) e “La straniera” (1829) ottenendo clamorosi successi; nelle pagine della stampa milanese dell’epoca si può apprezzare come Bellini fosse considerato l’unico operista italiano con uno spiccato stile personale in grado di tener testa a quello di Gioacchino Rossini.
Nel 1829 viene rappresentata a Parma “Zaira”, opera che ottiene meno fortuna in quanto sembra che lo stile di Bellini si adattasse poco ai gusti del tradizionalista pubblico di provincia. Delle opere successive le più riuscite sono quelle scritte per il pubblico di Milano: “La sonnambula” (1831), “Norma” (1831) e “Parigi” (I puritani – 1835).
Nello stesso periodo compone anche due opere per il teatro La Fenice di Venezia: “I Capuleti e i Montecchi” (1830), per i quali adatta parte della musica scritta per “Zaira”, e la poco fortunata “Beatrice di Tenda” (1833).
La svolta decisiva nella sua carriera come nella sua evoluzione artistica coincide con il suo trasferimento a Parigi. Qui Vincenzo Bellini entra in contatto con alcuni dei più grandi compositori d’Europa, tra cui Fryderyk Chopin.
A Parigi compone numerose romanze da camera di grande interesse, alcune delle quali in francese. E’ ormai maturo e pronto per comporre un’opera in francese per il Teatro dell’Opéra di Parigi, ma purtroppo la carriera e la sua vita vengono stroncate, alla giovane età di 33 anni, da un’infezione intestinale probabilmente contratta qualche anno prima.
Vincenzo Bellini viene sepolto vicino a Chopin e Cherubini nel cimitero Père Lachaise, dove la salma rimarrà per oltre quarant’anni, fino al 1876, quando verrà portata nel Duomo di Catania.
A partire dal 1985 fino all’entrata in vigore dell’Euro, la banconota italiana da 5.000 Lire ha mostrato la raffigurazione del volto di Vincenzo Bellini.

Vaga Luna che inargenti, è interpretata dal Soprano Miriam Bissanti e con l’accompagnamento al Pianoforte del Maestro Salvatore Galante.





Statistiche